Serie B Doppietta del Modena, Frosinone ko

Il Frosinone crolla a Modena, contro il fanalino di coda, seconda sconfitta di seguito per i ciociari e a questo punto anche la situazione in classifica inizia a farsi difficile. Ma quel che più preoccupa è la pochezza di gioco della truppa frusinate, anche a Modena priva di idee. A questo punto anche la società è chiamata a prendere decisioni, prima che sia tardi. Anche a Modena Braglia propone il solito 3-4-3, con Ascoli e Biso al rientro dopo la squalifica e Coppola subito in campo al posto di Scarlato che si fa male nel riscaldamento. I canarini ospiti (anche il Modena ha infatti lo stesso pennuto come simbolo) partono forte e al 2’ Dedic serve una deliziosa palla a Eder, tiro a botta sicura del brasiliano, Frezzolini è scavalcato ma Perna respinge sulla linea. Dopo la fiammata iniziale, la partita si addormenta e al 20’ prova Amerini (ex del Frosinone) a ravvivarla, ma il tiro dal limite è fuori. Un minuto dopo sul fronte opposto ci prova Eder dal limite, tiro alto. Il Frosinone fa fatica a superare il centrocampo emiliano, con il Modena veloce a ripartire. Al 40’ la doccia fredda: Eder vola sulla sinistra, Bolano e Daino non fanno complimenti e nella caduta il brasiliano riporta una botta alla spalla che lo costringe a uscire. Il neo entrato Di Roberto è subito vivace e sessanta secondi dopo l’ingresso tira dalla distanza, ma è bravo Frezzolini. La partita si ravviva nel finale: al 42’ Babiany si incunea sulla sinistra ma Sicignano devia in angolo. È il preludio al gol modenese che arriva al 45’in contropiede Babiany è ancora una freccia sulla sinistra, la difesa del Frosinone fa acqua, palla al centro e per Fantini è un gioco da ragazzi segnare. Nel secondo tempo ti aspetti l’assalto del Frosinone alla ricerca del pareggio e invece la squadra di Braglia è ancor più confusionaria. Il tecnico prova a cambiare qualcosa, con il portoghese Tavares al posto di uno spento Dedic, ma la musica non cambia. Alla mezz’ora il Modena chiude la partita: Biso perde palla dal limite, Troiano ne approfitta e dal limite lascia partire una bordata, imparabile per Sicignano. Sabato c’è l’Ascoli al Matusa. Speriamo bene.