La serie B senza diritti tv rischia grosso

Milano. Oggi raduno generale dei presidenti di serie A e B in Lega per cominciare a discutere del grande nodo, la divisione dei diritti tv collettivi. Matarrese si è preso l’incarico di preparare una tabella-proposta che conterrà un accordo ponte fino alla scadenza dei contratti individuali firmati in passato. Nel frattempo c’è da risolvere un grave problema economico che riguarda la serie B, quest’anno rimasta senza contratto tv (l’intesa con Rai e Sky era di un anno solo e giustificata dalla presenza della Juve). «Se diminuiscono i proventi, non riusciremo a pagare i 65 milioni di solidarietà alla serie B» fanno sapere alcuni presidenti di serie A. E poiché nel frattempo i loro colleghi continuano a spendere soldi che non guadagnano, è scontata la conclusione. Entro l’estate del 2008, molti club di B chiuderanno bottega.