Serie A, Juve in testa con un lampo di Matri A punteggio pieno pure l'Udinese, male la Lazio

Dopo l'esordio con il Parma la Juventus non si ferma e espugna Siena, restando
a punteggio pieno in testa alla classifica, in attesa di Napoli-Milan di questa sera. L'Udinese batte i viola. Male la Lazio, crisi nera per il Bologna. Atalanta batte Palermo in uno stadio allagato

Siena-Juventus 0-1 Dopo l'esordio con il Parma la Juventus non si ferma e espugna Siena, restando a punteggio pieno in testa alla classifica, in attesa di Napoli-Milan di questa sera. In campo una Juve meno spumeggiante, ma concreta quanto basta per assicurarsi i tre punti: al Franchi di Siena i bianconeri (per l’occasione in maglia rosa) vincono 1-0 grazie a una rete firmata al 54’ da Matri, che segna facilmente a porta vuota dopo un gran numero di Vucinic.

Udinese-Fiorentina 2-0 Resta a punteggio pieno anche l’Udinese: la squadra di Guidolin risolve la pratica Fiorentina nella prima mezz’ora con le reti di Di Natale (rigore al 7’) e Isla (29’ su errore di Montolivo). Infortunio al ginocchio sinistro per Gilardino, che lascia il Friuli in barella a metà secondo tempo.

Lazio-Genoa 1-2 La Lazio non riesce a ripetere la brillante prova all’esordio contro il Milan e si arrende al Genoa all’Olimpico. Sculli porta in vantaggio i biancocelesti all’11’, ma nella ripresa la formazione di Malesani dà spettacolo: al 54’ numero di Jorquera che mette sui piedi di Palacio la palla del pari, poi è lo stesso Palacio a innescare Kucka che salta Marchetti in uscita e insacca a porta vuota (71’).

Bologna-Lecce 0-2 È già crisi nera per il Bologna: i felsinei, dopo lo 0-2 di Firenze di domenica scorsa, perdono con lo stesso risultato anche al debutto casalingo contro il Lecce. I salentini fanno festa al Dall’Ara con un gol per tempo: apre Giacomazzi al 37’, raddoppia Grossmuller al 60’.

Parma-Chievo 2-1 Il Parma soffre, ma batte il Chievo al Tardini: apre Giovinco, risponde Paloschi, ma uno scatenato Giovinco (tre gol in due partite) trova la rete del 2-1 al 91’.

Atalanta-Palermo 1-0 L’Atalanta stende il Palermo e prosegue la marcia inversa verso lo 0 in classifica. L’1-0 sui rosanero è meritato per l’intensità e la determinazione mostrate dai nerazzurri, ora a -2. Stop inatteso per i siciliani, frenati dalla pioggia e dagli infortuni. I nerazzurri partono a mille e inscenano un gioco veloce e pratico. Soffre il Palermo, soprattutto sugli esterni. Sotto gli occhi di Prandelli, seduto in tribuna, brilla Bonaventura: splendido l’assist in verticale al 34’ per il Tanque, il cui mancino s’infila sul primo palo, non adeguatamente coperto da Tzorvas. Nella ripresa unica protagonista è la pioggia. Diluvio improvviso e partita sospesa per più di mezz’ora. Poco prima dell’interruzione Miccoli abbandona il campo per un problema fisico e lascia spazio a Pinilla. Il campo è al limite dell’impraticabilità e lo spettacolo latita. Ilicic spreca malamente due punizioni e il Palermo, come spesso gli accade, non conferma tutte le belle cose ammirate appena sette giorni fa con l’Inter.

Catania-Cesena 1-0 Il Catania batte 1-0 il Cesena al Massimino con un rigore di Maxi Lopez).