Serravalle: si dimette il presidente e decade tutto il cda

Cambia tutto in Milano Tangenziali. La società ieri ha fatto sapere che i consiglieri di amministrazione, Marzio Agnoloni, che svolge anche funzione di presidente, e Bruno Villois hanno rassegnato le proprie dimissioni motivandole con riferimento all’ultima modifica di Statuto della Società, che ha cambiato i criteri di nomina del Consiglio di amministrazione stesso. Così come previsto dallo statuto di Milano Serravalle-Milano Tangenziali Spa, il collegio sindacale ha ritenuto decaduto l’intero Consiglio di Amministrazione attualmente in carica e convocato l’assemblea in prima convocazione il 30 novembre 2011 ed in seconda il 2 dicembre 2011. Intanto si continua a parlare dell’operazione Sea Serravalle: «L’opzione di vendere le quote di Sea insieme a quelle della Milano Serravalle è la migliore» secondo il presidente del consiglio comunale di Milano, Basilio Rizzo. Il Comune rappresenta l’azionista di maggioranza della società aeroportuale, con oltre l’80%, e il socio di minoranza di quella autostradale, con circa il 18%. Rizzo ha parlato a margine di un convegno sul futuro dell’energia promosso da Fondazione Aem e Politecnico, ha spiegato che «abbiamo interesse a vendere la partecipazione in Serravalle, altrimenti resta una quota di minoranza che non ha grande sviluppo». Critico il Pdl, con CarloMasseroli: «Il bando pubblicato sul sito del Comune è solo in italiano. Come se non bastasse nessun riferimento ad advisor legali o di business. Nessuna traccia poi del contratto di programma tra Sea ed Enac. Pazzesco. Ogni giorno una conferma. Come fa un eventuale acquirente straniero a partecipare?».