La serva serve per capire la vita

Può capitare di ritrovarsi in un destino inatteso, vivere un’esistenza all’ombra e al servizio di estranei, e scegliere di rifugiarsi in un sogno lungo una vita: tornare ai fiabeschi luoghi lontani dell’infanzia, dove sembrava di essere così felici. La storia di una serva (Fazi, pagg. 446, euro 18) raccontata da Paula Fox, scrittrice ormai ottantacinquenne nel pieno di una seconda giovinezza letteraria grazie all’entusiasmo dei giovani talenti della letteratura americana, è quella di Luisa de La Cueva, dai Carabi a New York. Impermeabile agli eventi travolgenti degli anni ’40, e poi ’50 e ’60, impegnata solo a difendere il suo obiettivo e a tenersi lontana dalle vite degli altri, di cui conosce ogni più intimo dettaglio, e in fondo anche da se stessa.