Servillo: bel segno per il nostro cinema

Per Toni Servillo avere in concorso a Cannes Il divo e Gomorra è «un riconoscimento molto importante per i due registi», Paolo Sorrentino e Matteo Garrone, ma anche «un bel segno per il cinema italiano». L’attore, protagonista di entrambe le pellicole, ritiene significativo che l’Italia sia «in concorso con due autori molto giovani e con due film che raccontano la storia recente del Paese». Servillo ha auspicato che Il divo, dove veste i panni di Andreotti, e Gomorra, tratto dal libro di Roberto Saviano, «destino interesse», non solo per i contenuti, ma anche «per le novità di linguaggio» che portano con loro.