«Servizi integrati e tecnologia Non semplici spazi espositivi»

Un 2011 chiuso in bellezza, con un'edizione del Motor Show addirittura superiore alle aspettative e la conferma dell'attivo di bilancio raggiunto già nell'esercizio precedente. E un 2012 iniziato sotto i migliori auspici, grazie anche a un calendario che conta ben 90 manifestazioni, di cui undici all’estero e otto nuove iniziative. Crisi o non crisi, insomma, il gruppo BolognaFiere pare avviato a proseguire il suo cammino all'insegna dei trend positivi fatti registrare nell'ultimo periodo. «Questi risultati - commenta Duccio Campagnoli, presidente di BolognaFiere - costituiscono una conferma della bontà del processo di integrazione e riorganizzazione che abbiamo intrapreso, anche attraverso l'accorpamento nella capogruppo di alcune società esterne, ottenendo significativi benefici in termini di maggiore efficienza e ottimizzazione dei costi. Il processo, comunque, non è concluso. Anzi, proprio quest'anno puntiamo a un ulteriore salto di qualità su un aspetto che ritengo strategico: la progressiva trasformazione dell’ente fieristico, sull'esempio di quanto già accade nei paesi anglosassoni o in Germania, da semplice fornitore di spazi espositivi in impresa capace di offrire servizi integrati, facendo leva su un ampio utilizzo delle nuove tecnologie». Il calendario 2012 del gruppo BolognaFiere - che comprende al proprio interno la società SoGeCos, organizzatrice di eventi in Italia e all’estero nel settore della cosmetica, e i quartieri di Modena e Ferrara - si presenta particolarmente ricco e articolato, riproponendo tutte le grandi manifestazioni che legano l'ente fieristico ai principali distretti produttivi dell’Emilia, come Cosmoprof, LineaPelle, Cersaie e Saie. «Per quanto riguarda in particolare la meccanica agricola - aggiunge Campagnoli - avremo in novembre un'edizione ancora più grande di Eima, con il ritorno espositivo delle macchine e attrezzature per il giardinaggio. Si tratta di un frutto della nuova intesa raggiunta tra BolognaFiere e Unacoma, l'Unione nazionale dei costruttori di macchine agricole, che ha programmato lo svolgimento della manifestazione a Bologna fino al 2024». Oltre alla conferma di tutti i principali «pezzi da 90» del calendario, però, l'anno appena iniziato porta con sé anche il bel risultato di otto nuovi appuntamenti, di cui quattro avranno luogo nel quartiere di Bologna, tre in quello di Modena e uno a Mosca, a conferma della spiccata vocazione internazionale che, anche nel 2012, induce l'ente fieristico emiliano a organizzare un buon numero di manifestazioni (undici) nei Paesi di maggior interesse per le aziende italiane: oltre alla Russia, Stati Uniti, Cina e Turchia. «La novità moscovita - spiega Campagnoli - è Consumexpo, evento dedicato ai beni di consumo e in particolare alle calzature, settore in cui BolognaFiere è leader grazie all'accordo con l'Anci, l'Associazione nazionale dei calzaturifici. Tornando invece all'offerta domestica, ritengo sia urgente cercare nuove nicchie di mercato su prodotti e servizi innovativi, con manifestazioni magari di dimensioni più piccole ma per le quali mettere in campo una grande competitività del quartiere. E, in tale direzione, promuovere le vocazioni di BolognaFiere e della città». Tra le novità in programma nel corso del 2012, in effetti, diverse sembrano già rispondere a questa linea: a cominciare da Univercity (8-9 febbraio), la prima edizione di una «expo-città» degli studenti promossa insieme all’Università e al Comune di Bologna. A maggio, invece, sarà la volta di Show Way, manifestazione dedicata alle tecnologie per lo show business, organizzata in precedenza presso il quartiere di Bergamo, che avrà luogo in contemporanea con la seconda edizione di Music Italy Show, la fiera degli strumenti musicali: due eventi che trasformeranno Bologna, già città della musica Unesco, nella capitale della musica e dello spettacolo, anche grazie a una serie di eventi in fiera e in città. A seguire, nella seconda metà di giugno si terrà Ngv, workshop internazionale sulla mobilità tramite il gas metano, mentre a novembre toccherà a Fruitech Innovation (processing, packaging and logistics to consumer), manifestazione dedicata alle innovazioni tecnologiche nel campo della produzione e distribuzione dell'industria agroalimentare.