Servizi sociali ai ragazzi che picchiarono un down

Dieci mesi di messa alla prova per i quattro studenti dell’istituto grafico Steiner di Torino che
nel maggio del 2005 si resero protagonisti del video - pubblicato online - con le vessazioni su un loro compagno con dei seri problemi

Torino - Dieci mesi di messa alla prova per i quattro studenti dell’istituto grafico Steiner di Torino che nel maggio del 2005 si resero protagonisti del video con le vessazioni su un loro compagno di classe con problemi di inserimento: lo ha stabilito oggi il tribunale per i minorenni, dove i ragazzi erano stati chiamati a rispondere di violenza privata, ingiurie e minacce. La messa alla prova comporta il blocco del processo e l’affidamento degli imputati ai servizi minorili dell’amministrazione della giustizia.

I giovani seguiranno un percorso che gli permetta di maturare e di comprendere i loro errori. In particolare, i giudici hanno stabilito che nei prossimi dieci mesi svolgano attività di assistenza ai ragazzi down presso un’associazione torinese, che studino con profitto (dopo un anno di sospensione hanno ripreso a frequentare lo Steiner, anche se in classi separate), che elaborino un progetto in ambito scolastico (un cartellone pubblicitario, un manifesto o cose simili) che si richiami alla loro esperienza, che tentino di riconciliarsi con il loro compagno. Ad aprile, nel corso di un’udienza, i giudici valuteranno i loro progressi.