Un servizio ad hoc per i clienti che amano l’arte

Angela Turconi

Negli ultimi anni l’investimento in arte gode di un’ampia copertura mediatica globale che accentua le tendenze espresse dal mercato e attira nuovi compratori. Ai tradizionali collezionisti si affiancano nuovi investitori, attratti sia dalle potenzialità di un’asset class alternativa. L'arte non rappresenta un insieme omogeneo, ma è un mercato molto diversificato in cui convivono diverse tipologie di operatori (Case d’Asta, galleristi, mercanti, privati) e infinite categorie di beni: dipinti e disegni di diverse epoche e stili, mobili, sculture, tappeti. È proprio a causa di questa molteplicità di offerta che l’approccio all’arte indirizzato a una corretta valutazione e salvaguardia dell’investimento necessita di competenze specifiche o di una adeguata consulenza. Banca Aletti mette a disposizione della sua clientela un servizio di Art Advisory per la valutazione, la gestione e la valorizzazione del patrimonio artistico posseduto o per la costituzione di portafogli personalizzati di opere scelte su misura per ogni investitore. Tale servizio è svolto in collaborazione con primari esperti e operatori del mercato nazionale e internazionale. Il servizio più richiesto dai clienti che possiedono opere o collezioni è la valutazione, che si avvale spesso di consulenze incrociate al fine di formulare risposte pienamente soddisfacenti. Sostituendosi al cliente nel percorso altrimenti difficoltoso e impegnativo della richiesta di diversi pareri professionali, la banca offre inoltre l’opportunità di non accostare il nome del proprietario all’opera o alla collezione proposta. Il valore aggiunto è subito percepibile nell’efficienza del servizio e nella possibilità di richiedere una pluralità di opinioni e stime con informalità e rapidità a referenti scelti di volta in volta in relazione alla tipologia dei beni da valutare, con particolare attenzione alle stime che sono fortemente influenzate dalle particolarità di un mercato «locale». Alla valutazione a fini di vendita seguono le considerazioni sulla scelta del canale, del mercato e dei tempi per ottimizzare la redditività. Particolare attenzione viene riservata alla valorizzazione delle opere possedute, attivando prestiti a mostre o a musei, mediante pubblicazione in monografie o cataloghi, o ancora con consulenze sulla necessità di un intervento di restauro, l’attivazione di una copertura assicurativa «all risks» o ancora sulla conservazione in caveaux specializzati o sul trasporto professionale. Viene inoltre offerta, tramite un servizio di monitoraggio ripetuto nel tempo, la possibilità di conoscere in tempi utili i passaggi in asta di opere selezionate sulla base di considerazioni professionali sulla qualità, lo stato di conservazione, l’adeguatezza del prezzo, evitando ai clienti l’oneroso impegno della ricerca delle opere. La qualità del servizio di art banking permette ai clienti di Banca Aletti di accostarsi con sicurezza al mondo dell’arte e di coglierne le opportunità.