Con il servizio Voip la telefonata è più conveniente

Enrico Boschivi

Convergenza su Ip, Voice over Ip, servizi convergenti tra fisso e mobile: l’offerta prossima ventura di servizi di tlc per le aziende italiane, grandi, piccole o medie che siano, passa dall’ennesima rivoluzione tecnologica che promette reti sempre più efficienti e una significativa riduzione dei costi di connettività, e in generale di tutti i servizi. «Oggi l’opportunità di ridurre i costi fissi - sostiene Marco Becca, direttore della business unit Corporate di BT Albacom, che offre servizi dedicati alle oltre 500mila piccole e medie imprese sparse sul territorio italiano - è la principale molla che ha spinto nell’ultimo anno oltre 30mila aziende a sottoscrivere il servizio di Voice over Ip di BT Albacom».
Quanto risparmia un’azienda con il Voip?
«Il risparmio è immediato sui costi fissi, vale a dire il canone Telecom. Prendiamo il caso di un’azienda che ha cinque linee telefoniche per le quali paga all’ex monopolista un canone fisso: attivando il servizio Voip di BT Albacom, l’azienda in questione può far fronte alle proprie esigenze di comunicazione abbattendo i costi fissi e risparmiando fino a 100 euro al mese, oltre 1.000 euro l’anno. Infatti, grazie a Voip, Bt Albacom sull’unico collegamento Adsl attivo farà transitare tutte le chiamate in entrata e in uscita delle cinque linee dell’azienda».
Per accedere ai servizi Voip sono necessari apparecchi telefonici Ip?
«Il servizio consente l'utilizzo degli apparati (telefoni, centralini e fax) già presenti presso il cliente, è disponibile su tutto il territorio nazionale e permette all’azienda di mantenere i propri numeri telefonici».
Qual è la qualità di una chiamata Voip rispetto a una telefonata tradizionale?
«Ci capita spesso che qualche cliente ci chiami per sapere da quando gli abbiamo attivato il nuovo servizio, perché non ha notato alcuna differenza di qualità nelle telefonate: i servizi che sfruttano la tecnologia di voce su Ip garantiscono un livello qualitativo estremamente elevato».
Quanti, tra i nuovi clienti, scelgono soluzioni Voip?
«Ormai la stragrande maggioranza, e la crescita non si ferma: siamo partiti da poche centinaia al mese un anno fa e oggi puntiamo alle 3mila acquisizioni mensili. Per far fronte alla crescente richiesta del mercato stiamo ulteriormente potenziando la rete di agenzie che propongono i nostri servizi».
Il futuro sarà contraddistinto dai servizi di convergenza fisso-mobile...
«Si parla di convergenza da diversi anni e crediamo che sia giunto finalmente il momento in cui questi servizi prenderanno piede. Noi, come BT, abbiamo già lanciato un servizio di convergenza fisso-mobile sul mercato britannico (BT fusion) dedicato ai clienti privati e alle piccole imprese. Contiamo di lanciare anche in Italia un servizio simile. In pratica i nostri clienti, grazie all’instradamento intelligente delle chiamate su rete fissa o mobile, potranno utilizzare un solo apparecchio, sicuri che ogni loro chiamata sarà veicolata sulla rete più economica. Per le aziende il risparmio dovrebbe essere intorno al 30 per cento».
Si dice che le Pmi italiane siano restie all’innovazione e i dati confermano che la spesa in servizi Ict ristagna...
«Spesso le cause vanno ricercate nella complessità con la quale molte delle soluzioni di Ict sono presentate, generando diffidenza. La nostra proposta è semplice e risponde a un bisogno primario degli imprenditori: aumentare la produttività grazie alla maggiore qualità e ai minori costi legati ai servizi di tlc. Offrire soluzioni che sfruttano il meglio della tecnologia esistente, garantendo semplicità di utilizzo e contenimento dei costi. Agli imprenditori diciamo di concentrarsi sul proprio core business perché ai loro servizi di tlc pensiamo noi».
Quindi la vostra ricetta è attenzione ai costi e innovazione?
«Sì, in un mercato sensibile ai costi come quello attuale vogliamo offrire soluzioni tecnologicamente avanzate e innovative, in quanto riteniamo che l’innovazione possa essere una chiave importante nell'acquisire nuovi clienti. Bt Albacom investe oltre il 10% del proprio fatturato in innovazione e può contare sulla grande esperienza di uno fra i grandi protagonisti mondiali di tlc, quale è BT».