Sesto giorno di smog oltre i limiti

Centraline in «allarme» per le concentrazioni di Pm10 nell’aria

Per il sesto giorno consecutivo il livello di Pm10, le polveri sottili, ha oltrepassato il limite di guardia di 50 microgrammi al metro cubo. Le centraline dell’Arpa hanno registrato una concentrazione dell’inquinante pari a 120 microgrammi in via Juvara, 131 al Verziere, più del doppio della soglia critica. Non è andata meglio nell’hinterland. Si è superato il livello di guardia anche a Meda, Vimercate e Pioltello.
In città le polveri sottili viaggiano oltre il livello di guardia da lunedì della scorsa settimana. Le concentrazioni sono aumentate progressivamente a causa della mancanza di vento. «Le condizioni atmosferiche stabili, con inversione termica al suolo ed in quota, hanno favorito l’aumento delle concentrazioni di Pm 10», spiega il bollettino emesse ieri dall’Arpa, l’agenzia regionale per la protezione dell’ambiente.
Il dato sulla giornata di domenica (una media delle concentrazioni nelle 24 ore) si saprà soltanto oggi. Gli esperti non sono ottimisti: «L’aumento della stabilità, per il rafforzamento dell'anticiclone sul Nord Italia, favorirà un ulteriore aumento delle concentrazioni degli inquinanti».
Non resta che sperare nei giorni a venire. «Il relativo cedimento dell’alta pressione durante la giornata di domenica non sarà tale da permettere significative variazioni delle condizioni meteo - ribadiscono gli esperti del meteo dell’agenzia regionale -. Le concentrazioni di Pm 10 inizialmente oscilleranno intorno ai valori raggiunti. Tra lunedì e martedì l’ingresso di aria fresca da est e il rinforzo dei venti in pianura determineranno condizioni più favorevoli alla dispersione degli inquinanti».
La speranza, dunque, è le correnti d’aria interrompano la serie di giorni con valori oltre la soglia. dall’inizio dell’anno sono più di 90. Ne è nata una polemica politica, con i Verdi a chiedere blocchi del traffico e la Regione che ha ricordato la scarsa incidenza delle domeniche a piedi.