La Sestrese continua a sperare

Super Ramenghi e la Sestrese continua a sperare. Ci ha pensato una doppietta del capitano verdestellato ad aprire e chiudere il testa-coda col Casale e a mandare agli archivi un 2-2 acceso forse più sugli spalti che in campo. Al «Piccardo» di Borzoli, il prologo dell’anticipo non è infatti dei migliori: i neri tifosi ospiti pretendono di stazionare, con tanto di megafoni, bandiere e striscioni, nel settore di quelli di casa e provocano un parapiglia che - per fortuna - si risolve senza danni e prima dell’intervento della polizia. Con l’esagitato manipolo di casalesi posizionato nella curvetta loro preposta, la partita può cominciare. E la Sestrese va subito vicina al vantaggio con Maisano, poco reattivo a tu per tu col numero 1 piemontese Zecchini. Un primo tempo equilibrato scivola via senza particolari sussulti e lascia spazio ad una ripresa agli antipodi. Al 57’ Piacentini prende palla a metà campo, semina mezza difesa del Casale e s’invola verso l’area nera: il suo destro sfiora il palo. È il preludio al gol. Ramenghi raccoglie un corner di Cadenazzi e trafigge Zecchini al 62’. L’1-0 verde è meritato ma dura poco perché, alla prima palla toccata, l’appena entrato Uccello “uccella” Ivaldi per il pareggio casalese. Passano dieci minuti e il figlio d’arte Zenga ribalta il risultato: 80’, potente punizione dal limite e l’estremo rossostellato deve ancora capitolare. I ragazzi di Balboni rispondono alla svelta con Piacentini, su splendido assist di tacco di Ramenghi: traversa piena. Sembra la fine ma l’ingenuo Balsamo trattiene Romeo appena dentro l’area di rigore e Bertasi di Verona indica il dischetto. Capitan Ramenghi si incarica della battuta spiazzando ancora Zecchini. È il pareggio che chiude i giochi e mantiene intatte le speranze-salvezza della Sestrese.