Sette anni, ritrovato dopo una notte nel bosco

Si era perso nel bosco l’altro pomeriggio e soltanto ieri mattina è stato ritrovato vivo e vegeto. Ha solo sette anni Michael Mandarà, il bimbo savonese che si era perso nei boschi dell'Adelasia tra Montenotte ed Altare in Val Bormida. Il bimbo era andato in cerca di funghi con la mamma Debora Coppola di 28 anni, il convivente di lei, il fratellino di 10 anni ed una cuginetta. Poi improvvisamente è stato perso di vista dai parenti e alle 18 è stato dato l'allarme. Oltre 200 persone hanno perlustrato i boschi e le ricerche sono proseguite per tutta la notte coinvolgendo i Vigili del Fuoco delle Compagnie di Cairo, Savona, Fossano e Genova, il Soccorso Alpino con le unità cinofile, la Forestale, i Carabinieri, la Polizia Provinciale e tantissimi volontari. A ritrovare questa mattina Michael è stato proprio un volontario Bruno Ferraro, 59 anni, di Bragno che ha partecipato alle ricerche fin dall’altro pomeriggio. Il piccolo è stato ritrovato in località Bric Curlin a 3 chilometri dal campo base situato in località Meira. Il volontario quando ha trovato il bambino lo ha preso in braccio e gli ha chiesto come stava. Michael ha ringraziato Bruno Ferraro dandogli un bacio, poi ha racconato di avere dormito ma di avere tanta fame. Quindi il piccolo ha telefonato alla mamma per tranquillizzarla. Michael Mandarà è in buone condizioni fisiche, ma precauzionalmente è stato visitato dai medici del 118 presenti al campo base.