Sette episodi in agrodolce, stile Risi

Banfi è «Il conte di Montecristo», Ceccherini conquista miss Venezuela, la Falchi è una musicista squattrinata

da Roma

Un’estate al mare (da venerdì nelle sale), reclamizzato su tutte le spiagge (stasera, a Riccione, la festa del lancio balneare) «è pensato per un pubblico di oggi, per i ragazzi frequentatori dei multiplex», spiegano Carlo ed Enrico Vanzina, che con la loro commedia di costume dal gusto agrodolce fotografano uno dei momenti topici della vita degli italiani.
Nei sette episodi in stile Dino Risi, ambientati nei luoghi del divertimento estivo nazionale, si allinea un cast di consolidate celebrità, a partire dalla partecipazione straordinaria di Gigi Proietti, con i fratelli registi già ne La mandrakata (2002). Gli scorci garganici dominano «Il conte di Montecristo», episodio d’apertura con Lino Banfi emigrante cornuto che torna a Peschici, sfoggiando una moglie svedese (Victoria Silvestedt) strepitosa. Se è falso che il povero Nicola ha fatto i soldi in Svezia, risponde a verità che la sua procace Eva ha conosciuto (biblicamente) mezzo paese. E s’alza «Saracinesca», secondo episodio, sullo scenario di Forte dei Marmi, dove lo stralunato Massimo Ceccherini è un ultras della Fiorentina in vacanza, desideroso di conoscere Manzanas, portierone del Real Madrid. Ma questi è inseparabile da miss Venezuela (la modella Marisa Jara), che inspiegabilmente finirà a letto con Cecco-Ceccherini (il finale è stato riscritto, dato l’approdo della Fiorentina in Champions league). La più modesta San Felice Circeo ospita, invece, «Traffico sulla Pontina», dove su una barca un marito e una moglie aspettano, invano, i rispettivi coniugi, un lui (Enrico Brignano) e una lei (Nancy Brilli), amanti segreti che restano chiusi in ascensore dopo l’amplesso e si trasformano in nemici claustrofobi. E i due che li aspettavano? Si ritirano in cabina. Zitti zitti, trescavano da tempo...
Sotto il cielo di Capri si svolge «L’isola dell’amore», dove Biagio Izzo si finge gay, per essere alla moda. Ma quando sotto i Faraglioni sbarca Alena Seredova, moglie d’un miliardario, il finto omosessuale crolla, la bellona ci sta e ci sarà una rivelazione. Sul litorale di Ostia s’ambienta «Il giovedì», con Enzo Salvi nel ruolo d’uno sfigato papà pieno di buffi, mentre a Ischia Anna Falchi, violinista squattrinata, è l’eterna amante di Ezio Greggio, mantenuto da una moglie XL che però fa comodo. Boato garantito, come da contratto? Lo sapremo lunedì.