Sette idee sette per un Natale preso per la gola

Regali saporiti come prodotti francesi dolci «old style» e delizie calabresi Ma anche oggetti da usare in cucina come le novità tutte in silicone

Chiara Cirillo

Consigli per gli acquisti. Mancano due settimane allo scoccar del Natale e se siete tra coloro che hanno già deciso e acquistato i regali da mettere sotto l’albero beati voi, ma se ancora non avete le idee chiare o avete esaurito l’inventiva ecco consigli, accostamenti e idee originali per doni di Natale «da mangiare»... anche con gli occhi.
Alla ricerca di qualche spunto troviamo una dolce new entry tra i templi del gusto capitolini: si chiama Bocca di Dama, è a San Lorenzo e ha aperto a fine settembre. Gestito dalle simpatiche Simonetta e Amalia è uno spazio «contaminato»: un po’ pasticceria old style, un po’ locale newyorkese dove si preparano dolci e biscotti di tradizione italiana presi da antiche ricette di famiglia e confezionati in originali pacchetti. Per questo Natale ci propongono gli alberelli e gli omini di pan di zenzero o il «bacio dell’architetto» un cioccolatino davvero speciale, provare per credere! In via dei Marsi, 2-6 tel. 0644341154.
In quel di Campo de’ Fiori ritroviamo con piacere Comptoir de France, premiato quest’anno con un Oscar qualità dal Gambero Rosso, è un paradiso di freschissime prelibatezze made in France. Nonostante la piccola metratura il locale trabocca di prodotti espressi dalla Francia: foie gras, confit, cassoulet, conserve oltre a una golosa selezione di formaggi e salumi. Per questo Natale ci consigliano di provare champagne, non delle solite case, ma prodotti da piccole aziende (via Giulia, 195 tel. 066867762).
Cento per cento italiane le specialità della Bottega Liberati al Tuscolano (via Flavio Stilicone, 278 tel. 067101156). Qui per Natale il consiglio è di puntare sui prodotti della nostra regione: «Come una bella confezione di formaggi - ci suggerisce Roberto Liberati - oppure confetture, vini o pasta artiginale, abbiamo tantissimi artigiani che stanno facendo un ottimo lavoro».
Al quartiere Monti abbiamo trovato un vecchio alimentari che propone per tutti i prodotti tipici della Calabria. Si chiama - a ragione - Delizie di Calabria ed è un trionfo di sapori genuini e piccanti: per un dono buono e molto apprezzato quest’anno ci consigliano la vera marmellata di cipolle rosse di Tropea utilizzabile con formaggi stagionati per l’aperitivo o sui crostini. Perfetta per la tavola delle feste ma buonissima tutto l’anno. Inoltre, i funghi di Pizzo Calabro o la «viagru calabrisa», una salsa tipica very hot (via dei Serpenti, 20/a tel. 06484980).
Ma non solo da mangiare, dicevamo. Anche accessori e utensili sono un’idea da tenere in considerazione per impreziosire o attrezzare la cucina. E nei tre punti vendita di CU.CI.NA. ce ne sono per tutte le tasche e non sarà difficile trovare l’oggetto più adatto. La novità targata 2006 è il silicone: utilizzato per sottopentola e stampi ma anche pennelli e schiaccianoci (via Mario de’ Fiori 65, tel. 066791275; via Flaminia Vecchia 679, tel. 063332202; piazza Euclide 40, tel. 068078906).
Anche da Kitchen (in via degli Ammiragli, 10 tel. 0639740597 e nel piccolo ma ben fornito chiosco su piazza del Porto di Ripetta) la novità di quest’anno è il silicone utilizzato anche negli accessori per il vino. In alternativa un’altra idea originale direttamente dal Giappone: una bellissima linea di coltelli, anche in ceramica.
Anche all’emporio di ’Gusto (piazza Augusto Imperatore 9, tel. 063236363) vale una puntatina. Fornito di ogni accessorio, anche il più stravagante e di tantissimi libri di cucina provenienti da tutto il mondo e redatti in diverse lingue Dedicato ai cultori della cucina nel senso più alto del termine, è un emporio a tutti gli effetti. Per assecondare la tendenza di quest’anno, che vuole nelle nostre cucine almeno un oggetto made in Japan, fanno bella mostra di sé attrezzi e utensili nipponici, per chi non vuole rinunciare a un regalo very cool.