Sette reati su dieci firmati da clandestini

«Sette reati su 10 portano la firma degli immigrati irregolari». La frase è del vicesindaco e assessore alla Sicurezza Riccardo De Corato. Non una boutade estiva, ma una sintesi documentata dai numeri. Cifre precise al dettaglio che arrivano dalla polizia municipale. I ghisa, nei primi cinque mesi del 2008, hanno scovato 382 clandestini, 19 dei quali arrestati. Gli stessi extracomunitari si sono resi protagonisti di 311 reati: 201 penali e 110 in violazione del codice della strada e di leggi regionali. «Praticamente uno a testa. Ecco perché dire clandestino oggigiorno equivale a dire delinquente», insiste De Corato.
Entrando più nel dettaglio del rapporto dei vigili, si scopre che gli immigrati irregolari senegalesi sono i più inclini al crimine. A ruota seguono gli egiziani e i marocchini.
Intanto per il delitto del medico Colturani, ucciso nel suo appartamento di via Comerio lo scorso novembre, vengono indagati due giovani moldavi, Alexander Bunduchi e Sergjei Dragan. Avrebbero preso parte alla rapina finita poi in tragedia.