A settembre inizia la scuola ma i cuochi restano in ferie

Due settimane senza mensa. E di problemi per le famiglie dei genovesi. La scuola inizia il 15 settembre? Il Comune resta in ferie, i suoi cuochi non sfornano piatti prima di ottobre. E pazienza per chi ha i figli in classe. La protesta arriva dall’Udc, che sulle scelte di Marta Vincenzi calca la mano. «È un altro schiaffo alla famiglia», attacca la segreteria provinciale del partito di Casini. La presa di posizione è dura: «Non c'è alcuna attenzione per il ruolo sociale che il "lavoro di cura" di tante donne genovesi merita e nessun tentativo di conciliare il tempo della famiglia con il tempo del lavoro e della città. L'azione di questa giunta viene realizzata solo in chiave redistributiva del reddito senza tenere conto, se non in minima parte, dei componenti a carico che ogni nucleo familiare ha. Ci hanno fatto sapere che è necessaria una razionalizzazione dei costi per il minor introito Ici. Ma stupisce che lo stesso problema non sussista quando c’è da patrocinare la manifestazione "Genova - Città dei diritti", una fiera del buonismo intriso di relativismo culturale oppure ci sia da attivarsi per la festa di don Gallo. Da entrambi gli "avvenimenti" ci sentiamo orgogliosamente lontani».