Settimana decisiva, parte il confronto azienda-sindacati

da Milano

Settimana calda per il futuro di Alitalia. Se da una parte c’è il confronto azienda-sindacati sul piano industriale appena varato dal cda, dall’altra è destinata a riaccendersi presto l’attenzione sui possibili candidati all’acquisto della compagnia. Anche perchè sono le stesse indicazioni arrivate dal piano industriale a rimettere in gioco, nelle vesti di potenziali pretendenti, anche le due compagnie europee che, in fasi diverse, avevano mostrato interesse: Air France e Lufthansa. Sul primo fronte, dopo l’incontro di giovedì scorso, oggi i sindacati tornano ad incontrarsi con i vertici aziendali per approfondire i dettagli delle linee guida del piano industriale che il cda ha approvato il 30 agosto. Sul tavolo ci saranno soprattutto le perplessità per le richieste di sacrifici avanzate dall’azienda in termini occupazionali. In particolare, a mostrare preoccupazione sono stati i piloti dell’Anpac che temono il ridimensionamento del network e il taglio delle linee e sono pronti alla mobilitazione. È possibile che già oggi vengano fornite delle cifre più circostanziate sul numero di esuberi previsti, ma un giudizio definitivo da parte sindacale dovrebbe arrivare solo quando, dopo il cda in programma venerdì prossimo, saranno noti gli aspetti quantitativi e finanziari del piano industriale di sopravvivenza. Intanto continua la protesta a Malpensa: anche ieri son o stati cancellati 15 voli.