Una settimana di eventi Il design invade la città

Ciak!, si gira per la città. Già perché più gli anni passano, più il «Salone» è soprattutto «fuori», nelle strade, nelle piazze, nelle gallerie e negli show-room milanesi che per questa settimana trasformeranno i propri spazi per allestire il meglio della ricerca nel campo del design e della progettazione internazionale. Anche quest'anno, il Fuorisalone vivrà di luce propria all'interno di distretti e ogni quartiere milanese - da Brera a Lambrate, da Porta Genova a Porta Romana - sarà caratterizzato dai brand più prestigiosi del made in Italy. E non solo.
Per orientarsi nel mare magno di eventi, mostre e cocktail il consiglio migliore è quello di dotarsi di una pianta della città con tutti gli appuntamenti giorno per giorno, da oggi in poi, e a questo proposito può essere di grosso aiuto la mappa interattiva del sito Fuorisalone.it, anche se i più smanettoni possono approfittare dell'applicazione smartphone sia Android che iOS.
Le zone che anche quest'anno registrano il maggior numero di eventi sono Brera con la sua Brera Design District e Tortona con Tortona Design Week, anche se le installazioni e i workshop sono dappertutto, ad esempio nei chiostri dell'Università, Interni Hybrid, in Porta Romana con Porta Romana Design D.2013, e a Lambrate con Ventura Lambrate, uno spazio di circa 10.000 metri quadrati che ospiterà 66 presentazioni di 135 espositori internazionali, così come i ristoranti creativi e bar.
Brera propone oltre 90 eventi tra mostre, party e installazioni site specific. Per orientarsi ci sono banner segnaletici, una mappa, bandiere a filari, il sito internet con la guida dettagliata e due Info Point alla Pelota e in piazza XXV Aprile. Nella zona di Porta Genova si celebra invece la terza edizione di Tortona Design Week che contamina il dedalo di viuzze alle spalle della stazione con proposte di design contemporaneo nei settori più eterogenei: moda, auto, food, entertainment, servizi. In zona Tortona, in totale, saranno 137 gli eventi proposti da 214 espositori per un totale di 31.300 metri quadrati occupati e con 39 Paesi rappresentati. Al centro del distretto il Temporary Museum for New Design organizzato da Superstudio Group, su progetto di Gisella Borioli e con l'art direction di Giulio Cappellini, che racconta l'evoluzione del design in tutte le sue forme: i grandi brand internazionali e i famosi designer con le «mostre» che ci parlano del futuro. In zona Monumentale, nella cattedrale della Fabbrica del Vapore, verrà presentata la mostra «Bla Bla» curata da Alessandro Mendini, con allestimento di Duilio Forte, coordinamento Cesare Castelli. Composta da due sezioni, la mostra intende promuovere e valorizzare le produzioni non seriali e autonome nell'ambito del design. Nel cortile della Statale, come ogni anno, è allestita la mostra-evento organizzata dalla rivista Interni, intitolata «Hybrid Architecture & Design». Architetti e designer di fama internazionale, il cui lavoro si distingue per l'apporto di ricerca e innovazione, esprimeranno la loro visione in modo suggestivo e spettacolare attraverso padiglioni microarchitettonici sperimentali o macro-oggetti. Tra i musei merita segnalare il nuopvo allestimento del Triennale Design Museum firmato da Niccolin e il Museo della Scienza trasformato da Tom Dixon nel nuovo epicentro della Design Week milanese: tema di questa edizione è «disrupting design» cioè la frammentazione dell'oggetto.