A Seveso una gara dedicata ai murales

L’arte dei murales entra in Comune, a Seveso. In collaborazione col Comitato «Dossi», è nato un concorso per la valorizzazione dell’espressione pittorica con l’arte dei murales, aperto ai giovani e agli artisti di Monza e Brianza. Iniziativa che mira a sfatare il tabù del murales che non è necessariamente un atto vandalico. Le opere dovranno essere eseguite su pannelli in materiale semiespanso forex delle dimensioni di due metri per un metro e 80 centimetri e saranno collocate all’interno dei giardini pubblici Pregadio di Seveso. La data ultima per la presentazione, presso la Biblioteca e l’ufficio sport del Comune, di un bozzetto inedito è il 12 maggio e il disegno dovrà essere in linea col tema conduttore scelto per il concorso che è «La Costituzione vista dai giovani». Seveso non è l’unico Comune dove i writer hanno la possibilità di esprimersi. A Brugherio è dal 1995 che il muro dell’acquedotto viene utilizzato, grazie al benestare dell’amministrazione, dai ragazzi che si vogliono avvicinare al mondo dei graffiti. «Oggi il muro è completamente colorato - spiega Melo, fondatore dell'Associazione Italiana Writers -. Chiunque voglia esercitarsi e lasciare un messaggio deve chiamare e chiedere il permesso. A quel punto l'Associazione autorizza a cancellare alcuni disegni e a farne di nuovi».