La sexy rivincita delle piccole veneri

Curve addio, un sondaggio sostiene che gli uomini italiani sarebbero più attratti dalle donne magre e atletiche

Sarà vero che la donna magrolina è diventata più attraente della femmina tutta curve? Sì, secondo Dimagrire, la rivista delle Edizioni Riza in edicola oggi. Il suo sondaggio riaccende il vecchio derby della passione: da una parte gli amanti dello stile esile-muscoloso alla Irene Pivetti, dall’altra i cultori del modello Sabrina Ferilli. La ricerca di Dimagrire è arrivata a una conclusione choc: «Gli uomini italiani sono più attratti dal fisico alla Kate Moss che dal «corpo alla Monica Bellucci».

Con tutto il rispetto per sondaggi di questo tipo, va detto che in tema di «bellezza femminile» (e la cosa vale anche per l’argomento «gusti sessuali») la categoria omnibus degli «uomini italiani» non esiste; proprio come non esiste quella delle «donne italiane». Fortunatamente i criteri in base a cui si sceglie un partner e si fa l’amore restano quanto di più sfuggevole alle facili generalizzazioni.
Premesso ciò, passiamo ad analizzare le risposte del campione: «Mille uomini italiani tra i 25 e i 50 anni». A loro parere la nuova donna ideale risponderebbe ai seguenti canoni estetici: «Età, 29 anni; altezza, un metro e 63 centimetri; peso, 50 chili e una seconda misura di reggiseno». Segue verdetto incontestabile: «Addio alle curve prosperose di Monica Bellucci e di Valeria Marini». Ma anche alle rotondità siliconate incarnate al meglio da Pamela Anderson e dallo sterminato esercito delle sue epigoni.

Ma chi arriva al loro posto? I sondaggisti di Riza non hanno dubbi: «Il modello Kate Moss irrompe anche nel Bel paese, purché riveduto e corretto con un po’ di muscoli e un aspetto atletico». La psicologa Isabella Ramaioli cancella di colpo l’intera epopea della «filosofia di Sophia Loren»: «La figura della maggiorata, quella che andava soprattutto negli anni Sessanta e Settanta, è completamente sorpassata. Oggi si prendono le distanze dagli eccessi perché gli uomini sono alla ricerca di naturalezza».

E passiamo ai dettagli fisici. Ma qual è la parte del corpo che colpisce a prima vista? Qui i risultati del sondaggio confermano vecchie tradizioni popolari, senza bisogno di particolari supporti scientifici: sedere (82%), gambe (75%), pancia ed ombelico (69%), seno (61%), spalle e schiena (56%), labbra (44%) e fianchi (32%). Anche i gusti in fatto di età «si sono modificati», ma poi neppure più di tanto: «Il 45% degli italiani preferisce le donne tra i 25 e i 30 anni, mentre solo il 19% la vuole più giovane (tra i 18 e 24 anni) e solo il 24% fra i 31 e i 34 anni.

Infine i dettagli che aumentano il sex appeal femminile: «Gli indumenti che lasciano scoperto l’ombelico (67%), i jeans a vita bassa (62%), i tatuaggi nel punto strategico (54%), i tacchi alti (47%) e i capelli curati (41%)». Quali sono invece gli elementi che non piacciono assolutamente agli uomini? Il 29% non sopporta le labbra a canotto. Alba Parietti e Nina Moric se ne facciano una ragione.