Sfacciato Il «collaboratore» e quegli auguri al Papa

Tra le «prodezze» del pentito Gaspare Spatuzza c’è anche un episodio che risalirebbe al 2007. Allora il collaboratore di giustizia, che fece parte del commando mafioso che uccise don Pino Puglisi, parroco di Brancaccio a Palermo, inviò gli auguri di Pasqua nientemeno che a Papa Ratzinger, insieme a quelli di «buon compleanno al semplice e umile lavoratore della Vigna del Signore».
A sostenerlo è il monsignore Giorgio Caniato, ispettore generale dei cappellani del dipartimento dell’amministrazione penitenziaria, in una lettera composta il 18 aprile e indirizzata al cappellano della casa circondariale di Ascoli Piceno. Sempre secondo lo stesso Caniato, il Papa avrebbe «ringraziato» per il messaggio ricevuto. La nota è tra gli atti inviati dalla Procura di Firenze a quella di Palermo, ed è finita tra le carte del processo d’appello al senatore Pdl Marcello Dell’Utri, accusato di concorso esterno in associazione mafiosa. Si riprende il prossimo 4 dicembre (a Torino): il pentito Spatuzza sarà chiamato a testimoniare.