Sfida a duello dopo la pace Italia-Finlandia

da Roma

Macché sgarbo, ma quale crisi diplomatica. «È stato creato uno scandalo sul niente - dice Silvio Berlusconi -. Siamo seri, io ho fatto solo una battuta di galanteria». E quindi, insiste il Cavaliere, la signora Tarja Halonen, presidente della Finlandia, non può certo essersi offesa per quella frase scherzosa pronunciata l’altro giorno a Parma: «Ho rispolverato tutte le mie arti da playboy per ottenere l’Authority alimentare». Eppure a Helsinki, dove evidentemente il sense of humor non abbonda, questa storia del corteggiamento non è andata proprio giù: dal risentimento del capo del governo Vanhanen, che ha parlato di «spaghetti troppo piccanti», alle lettere ai giornali per rivendicare la superiorità gastronomica della renna sul culatello, fino alla convocazione formale con tanto di richiesta di spiegazioni del nostro ambasciatore Ugo Gabriele de Mohr.
Per l’Italia il caso non esiste. «La questione è chiusa», dice Gianfranco Fini. Palazzo Chigi non intende replicare e dalla Farnesina non sono previste ulteriori note di precisazione. Meglio semmai un duello, come propone il maestro d’armi Renzo Musumeci Greco, che «per difendere l’onore della galanteria» lancia il guanto all’ambasciatore Alec Aalto. Un duello? «Né l’Italia né il mondo - spiega Musumeci Greco, un avo tra i Mille di Garibaldi, curatore degli scontri di lame per il cinema e il teatro - possono mettere in dubbio che il sorriso rivolto da un uomo a una donna sia un valore da rispettare. La convocazione del nostro ambasciatore a Helsinki per raccogliere lo stupore del governo finlandese nei confronti delle galanterie rivolte da Berlusconi alla presidente finlandese è un’offesa alla bellezza che mi tocca profondamente e che merita una riparazione».
E come? A fil di spada? «Sì - dice Musumeci Greco -. Io sfido l’ambasciatore finlandese a Roma a battersi a duello con me affinché io possa difendere questo valore universale e sicuramente italiano. Gli concedo la facoltà di farsi sostituire da un campione di scherma a sua scelta». Ma non sarà uno scontro all’ultimo sangue: «Al paradosso finlandese - precisa il maestro d’armi - un paradosso italiano». E in attesa che Alec Aalto decida se accettare o no la sfida, i diplomatici nordici cercano di ridimensionare la polemica. «Penso che l’incidente sia chiuso», sostiene il viceconsole a Milano Marja Angerma. E il cancelliere dell’ambasciata a Roma: «A Helsinki sono ormai tutti presi con la festa del sole di mezza estate, che si terrà domani».

Annunci

Altri articoli