È sfida tra Tim e Vodafone per il lancio del GooglePhone

Nuova sfida tra Tim e Vodafone per il lancio in Italia del GooglePhone, ossia del cellulare con sistema operativo Android elaborato dalla società di Mountain View e diretto concorrente dell’iPhone di Apple, prodotto dai taiwanesi di Htc. Tutto nasce dall’annuncio fatto dal colosso inglese in occasione della fiera della telefonia mobile di Barcellona dove erano certi di essere i primi a lanciare l’atteso GooglePhone in Italia. In realtà le cose sono andate diversamente dato che da giovedì il GooglePhone modello Dream con tastiera estraibile Qwerty è in vendita nei negozi Tim, ma non in quelli Vodafone. Telecom Italia, guidata da Franco Bernabè, deve però il suo primato a T-Mobile. Il gruppo tedesco che già vende il GooglePhone Dream negli Stati Uniti, da circa un anno e in Inghilterra, da un mese non ha dato il permesso a Htc di fornire a Vodafone, sua diretta concorrente in entrambi i mercati, quel particolare modello di cellulare che per l’Italia, è stato ceduto in esclusiva a Tim. E dunque Vodafone, guidata da Paolo Bertoluzzo, per il lancio del GooglePhone deve attendere il modello Magic, che ha uno schermo solo touch screen ed è molto simile all’iPhone come design ma sarà disponibile solo a metà aprile. «Quello che conta - sottolineano soddisfatti da Tim - è che il Magic lo avremo anche noi, Vodafone non avrà l’esclusiva». Sfide a parte, non c’è dubbio che il cellulare con sistema operativo Android sia molto interessante per chi ama navigare su Internet anche tramite telefonino. Soprattutto sul fronte delle mappe con l’opzione Street View a cui recentemente Google ha aggiunto altre 14 città italiane e che permette di esplorare nei dettagli tutte le strade delle città inserite. Sul fronte del prezzo il GooglePhone, sia Dream che Magic, è meno costoso dell’iPhone (429-449 euro contro i 500-550 del rivale). Il minor costo nei confronti dell’iPhone resta anche con le tariffe predisposte dagli operatori che sovvenzionano in tutto o in parte l’acquisto del cellulare. Ma l’iPhone si sa è nato per la musica. Non è solo un cellulare pensato per il web ma può sostituire egregiamente il lettore musicale iPod.