Una sfida tutta tattica che non piace al pubblico

Massimo Sollazzini

da Siena

Tra Siena e Cagliari un pari tattico. Dal Franchi di Siena esce meno soddisfatto il pubblico, peraltro piuttosto scarso, destato dal torpore agonistico solo in poche circostanze. Disposto sul 4-4-2 con Chiesa e Frick in attacco, il Siena sfodera piglio volitivo solo nei primi 10 minuti, con qualche scorribanda in area sarda della novità Konko. Gradualmente, il possesso palla diventa affare ospite: al 20' Manninger si salva d'istinto con i piedi su un ravvicinato tiro di Suazo; al 36' si ripete su un'incursione di Esposito. Nella ripresa Beretta cerca più energia inserendo Locatelli, a bilanciare l'innesto di Pepe tra i rossoblù: il cielo s'incupisce per il Siena al 20' con la giusta espulsione di Portanova per doppio giallo. Suazo prova a fare l'uomo in più con due contropiedi in solitario (22' e 32'), i cui cross finali trovano Pepe in scoordinata rifinitura. Solo il tempo di un buon tiro al volo di Konko (40'), poi Giampaolo toglie Suazo. Ed è già epilogo del torpore.