La sfida di Violante Placido: farò rivivere Moana in Tv

Sky e cinema: nei piani di Murdoch c’è il desiderio di vedere i due termini affiancati nel vocabolario dei sinonimi. A Sky ce la stanno mettendo tutta: il 2009 si annuncia pieno di tentazioni per i cinefili. Grandi film in anteprima (Il Divo e Gomorra, Into the Wild e Caos calmo), inediti tv movie e miniserie in arrivo, fiction su temi scottanti come il satanismo e la vita di Moana Pozzi. Il direttore di Sky Cinema e Fiction, Nils Hartmann, snocciola le cifre: a Natale è stata festa grande, con una media del 2 per cento di share tv e del 2,9 nel prime time fino alla Befana. I «grandi fruitori» (quelli da almeno quattro film a settimana) crescono, nel 2008 più di 1200 titoli sono stati proposti da Sky e, dulcis in fundo, le opere originali vengono trasmesse rigorosamente in widescreen 16:9, con audio dolby surround (italiano e inglese), sottotitoli italiani e, a breve, anche sottotitoli in inglese. Ma ecco le anticipazioni della nuova stagione. Grande attesa e curiosità, senza dubbio, attorno alle miniserie e alle fiction-evento; gli sceneggiatori infatti stanno già lavorando alle nuove puntate di Romanzo criminale - La serie, che ha pareggiato il successo di Desperate Housewives e ha battuto Dr. House.
Tutti i riflettori sono puntati sulla mini-serie Moana, prodotta da Sky Cinema e Polivideo, primo ciak ad aprile: a quindici anni dalla morte di Moana Pozzi, è Violante Placido a calarsi negli scomodi panni della pornodiva, mentre il ruolo del suo mentore Riccardo Schicchi è quasi sicuramente destinato al giovane attore e regista genovese Fausto Paravidino. Per nulla intimorita dall’impresa Violante Placido: «Moana aveva una grande personalità, e mi intriga doverla interpretare - ha spiegato -; la sua è stata una vita di scelte estreme che ha segnato il costume italiano. Incuriosisce, di lei, che non abbia mai perso la dignità a prescindere dal lavoro che faceva». Sul confronto con il film Guardami di Davide Ferrario, nel quale Elisabetta Cavallotti si ispirava alla Pozzi e non si negò ad alcune scene hard, Violante risponde: «Non ho visto quel film ma non penso di doverne tener conto per il mio ruolo». La miniserie racconta l’ascesa al successo di Moana, con riferimento ai suoi rapporti piccanti con i vip. Farà discutere anche la miniserie L’ombra di Satana (con Fabrizio Bentivoglio, in arrivo a maggio), ispirata ai fatti di cronaca nazionale sulle sette sataniche, mentre i prodotti internazionali più attesi sono Casa Saddam, sulla sanguinosa parabola di potere e morte del dittatore iracheno Saddam Hussein, e Human Trafficking, sul traffico internazionale del sesso, con un cast stellare composto da Donald Sutherland, Mira Sorvino e Robert Carlyle. Infine, il cinema da grande schermo coprodotto da Sky: Prima linea di Renato De Maria sul terrorismo anni '70 (ispirato ai ricordi di Sergio Segio), e Complici del silenzio (con Alessio Boni), ambientato nell’Argentina della dittatura di Videla.