Una sfilata di moda contro la sordità

Il progetto «Mai più bambini sordi», presentato a Genova il 5 maggio 2006, sostenuto dai Lions Club italiani come service nazionale per l'anno 2006-2007, ha come obiettivo principale la prevenzione e la cura della sordità infantile, sia attraverso la diffusione di uno screening pediatrico da effettuarsi sui bambini di età compresa dai 12 ai 18 mesi, sia mediante la dotazione, presso gli uffici Cup delle città di Genova, Alessandria e La Spezia di un sistema di audizione magnetica, che consenta ai portatori di apparecchi acustici, di comunicare agevolmente con gli addetti al servizio, abbattendo così le barriere per i disabili dell'udito.
Tale iniziativa risponde ad una delle esigenze più diffuse fra la popolazione italiana e si propone, sia attraverso l'informazione, sia attraverso la dotazione di apparecchiature specialistiche, di affrontare il problema della sordità in modo concreto ed è al momento interamente sostenuta dalle iniziative benefiche dei Lions Club italiani: per questo motivo, il Lions Club Genova La Superba ha voluto dedicare il tradizionale appuntamento autunnale della Sfilata di Moda al sostegno di questo Service. Al Teatro della Gioventù, alla presenza del Vice Governatore del distretto 108 ia2 Maurizio Segala di Sangallo, mercoledì scorso ha presentato la propria collezione autunno-inverno Arianna Serra, una delle firme più note dell'eleganza genovese, che ha poi regalato momenti di emozione con un revival dei modelli disegnati dalla nonna Rosa, dagli anni Sessanta e Settanta. Hanno anche contribuito alla realizzazione dell'evento le calzature di Giovanna S. ed i gioielli di Emanuela Burlando.
L'intero ricavato delle offerte della sfilata, che ha visto una nutrita partecipazione di pubblico, è stato devoluto a sostegno dell'iniziativa.