Sfilate, costumi, cene: i giorni del Medio Evo

Nel Castello Ruspoli e nel Borgo Antico di Vignanello, un fine settimana medievale, con spettacoli, cene, visite guidate e sfilate di costumi storici. Incastonato nel verde dei monti Cimini, su una dorsale tufacea tra due valli solcate da piccoli corsi d’acqua, questo borgo in provincia di Viterbo ripercorre le orme del passato, cercando di far riscoprire i vecchi e tradizionali sapori dei cibi genuini, ovviamente accompagnati dai vini doc di Vignanello. Il ricco programma della manifestazione si aprirà oggi con la sfilata di costumi storici, realizzati dal laboratorio sperimentale dell’istituto Ipsia di Viterbo e Tuscania, per poi continuare in serata, quando, a introdurre i commensali alla straordinaria Cena medievale, sarà uno spettacolo di giullari e mangiafuoco, come la tradizione vuole. Alla manifestazione prenderanno parte anche gli Sbandieratori del gruppo G. Nanino, che si esibiranno nello scenario storico dei borghi. In questo banchetto di altri tempi, tutto profuma di storia: si potranno infatti degustare Piatti ricchi del Trecento, Rocchi del Conte Marescotti, Acqua povera del mezzadro o Zinzeri ai fiori di cucuzza. E ancora antichi mestieri e giochi medievali, mentre visite guidate per le vie del centro storico permetteranno di ammirare il Castello Ruspoli, possente esempio di dimora nobiliare, le cui fondamenta attuali risalgono al 1280; possiede quattro torrioni angolari, due ponti levatoi su entrambi i lati lunghi che si aprono su un profondo fossato, e un giardino nascosto a struttura geometrica, che rappresenta uno dei più belli esempi di giardino all’italiana della provincia. C’è poi la Collegiata di Santa Maria della Presentazione del 1700, con un pregevole organo barocco e sull’altare maggiore una ricca «Gloria» con Madonna seicentesca e una Fontana Barocca costruita nel 1673.