Sfratto rimandato al Leonka E Farina torna a batter cassa

Gli autonomi chiedono un comodato d’uso Il Comune: non disponibili a esborsi

Guadagnano altri 145 giorni. Sono gli autonomi del Leoncacallo che ieri hanno ottenuto un nuovo rinvio dello sfratto al 18 ottobre. Sperando, naturalmente, che la Provincia trovi «al più presto una soluzione» chiosa Daniele Farina. Possibilità che, giuridicamente, si declina in «una forma di rapporto di comodato d’uso con la proprietà» perché «possano continuare le attività culturali svolte all’interno del centro sociale».
Valutazione che, non è un mistero, è condivisa dal presidente della Provincia Filippo Penati: «Le attività culturali del Leonka coinvolgono i giovani, che trovano un punto di ritrovo alternativo». Presa d’atto di una «evoluzione positiva» premiata con tanto di medaglietta e pergamena del premio Isimbardi che tenta di cancellare con un colpo di spugna il passato, quello contrassegnato dalla “militanza” violenza e dal pericolo antagonista. Scelta politica, quella dell’amministrazione provinciale, che però - dopo un paio di tavoli - ancora non si è concretizzata in una proposta né alla proprietà di via Watteau - la società “l’Orologio” - né all’altro interlocutore che è il Comune di Milano. «Siamo sempre in attesa che i nuovi amici dei leoncavallini mettano nero su bianco le proposte. Che, sia chiaro, non possono però prevedere un esborso economico da parte di quest’amministrazione» fanno sapere dagli uffici dell’assessorato ai Giovani. Leit motiv di chi non cambia di una virgola la propria idea sull’aspetto economico. E questo significa che i leoncavallini debbono mettere mano alla cassa, sta a loro cioè far quadrare i conti per regolarizzare il centro sociale, senza poter aver sconti da parte della proprietà di quell’ex stamperia occupata dal 1994.
Impresa non facile che rischia di aprire nuove polemiche nella stessa maggioranza della Provincia, dove c’è chi reclama maggior rigore sull’appoggio ai centri sociali che sarebbe il prezzo pagato da Penati ai suoi supporter. Come finisce? C’è una sola certezza: «Da qui non ce ne andiamo» ribadisce Farina. Sperando che «la soluzione sia a portata di mano». Anche perché il 18 ottobre non ci sarà più nessun rinvio. Tempo scaduto. Quei diecimila metri quadri non possono più restare nelle mani degli autonomi.

Annunci

Altri articoli