Sfruttamento di clandestini: denunciato un imprenditore

Denunciato dai carabinieri della compagnia di Poggio Mirteto un imprenditore salernitano che sfruttava in lavori edilizi a Passo Corese cittadini russi e ucraini. Nel corso dell’operazione, i militari hanno identificato in un cantiere condotto da un imprenditore di Salerno, il 44enne M.L., una squadra composta da una decina di operai «fantasma», sia sotto il profilo contributivo-assistenziale sia in merito alle leggi sull’immigrazione. L’uomo, titolare di una ditta individuale con sede a Salerno, dopo essersi procurato lavori in appalto o in subappalto a Passo Corese, li faceva eseguire a lavoratori irregolari che facevano la spola, a fine giornata lavorativa, con la provincia di Salerno. Gli operai bloccati e identificati sono risultati tutti clandestini, privi di permesso di soggiorno, sprovvisti di documenti e assunti in nero, con una retribuzione inferiore a quella normale, pari a 2 o 3 euro l’ora. L’uomo è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Rieti per tutta una serie di reati compresa la violazione prevista dalla legge Bossi-Fini in ordine all’assunzione irregolare, in condizioni di sfruttamento, degli operai. La sua posizione, inoltre, verrà valutata anche dai carabinieri presso l’ispettorato del lavoro. Nei confronti dei clandestini sono state avviate le pratiche per l’espulsione dal territorio nazionale.