Sfruttava transessuali Fermato un brasiliano

La Squadra Mobile ha fermato un transessuale brasiliano di 25 anni conosciuto come «Andreia», che assieme al suo fidanzato italiano sfruttava la prostituzione di altri transessuali brasiliani. Le vittime dello sfruttamento dovevano pagare l’ospitalità, i costi per l’organizzazione del viaggio stimati in oltre 10.000 euro, oltre a una somma per «l’affitto» del marciapiede nell’area dell’ex mattatoio a Testaccio, dove potevano esercitare la prostituzione. Di tale somma, circa 3000 euro, era destinata a un boss brasiliano considerato il capo indiscusso della tratta di transessuali brasiliani verso l’Europa.