Sgarbi si candida: «Sindaco a Roma»

«Roma ha bisogno di me». Incompreso da colleghi in giunta e capigruppo della Cdl che nelle ultime settimane non hanno perso occasione per criticarlo, Vittorio Sgarbi starebbe pensando «sul serio» di salutare tutti e lanciarsi in una nuova avventura nella capitale. E già che il ruolo di assessore alla Cultura, è dimostrato, gli sta un po’ stretto, si candiderà come sindaco. «È stato il luogo delle mie battaglie politiche. Veltroni ha distrutto piazza San Cosimato e l’Ara Pacis.(...)