Sgomberata la collina di Corviale

«Ringraziamo il XV Gruppo della polizia municipale per lo sgombero effettuato nella collinetta di Corviale. È l’ennesimo di una lunga serie e ci chiediamo quando arriverà quello risolutivo» ha dichiarato ieri il consigliere territoriale di An, Augusto Santori, primo firmatario della mozione che interviene sulla riqualificazione del territorio, prendendo in considerazione proprio quell’area. Il documento è stato presentato due giorni fa e chiedeva un intervento massiccio nella zona dove, da qualche mese, sono aumentate le rapine, gli scippi e le minacce nei confronti dei residenti da parte di nomadi di diverse etnie.
«Alleanza nazionale - ha proseguito Santori insieme al presidente del circolo di An di Corviale, Ida D’Orazi - è vicina ai cittadini della zona nel richiedere un’immediata riqualificazione della collinetta dove ad oggi, nonostante i molteplici sgomberi, i nomadi sono soliti tornare puntualmente. È indispensabile provvedere a richiamare l’attenzione sullo stato di degrado in cui versa il municipio XV e richiedere lo stato di emergenza sociale per Corviale e per altre diverse realtà dove i nomadi e le diverse baraccopoli sorte stanno creando situazioni sempre più problematiche e preoccupanti».
Santori ha inoltre aggiunto che i fatti di Ascoli Piceno dovrebbero far riflettere tutti, dalle associazioni alle forze politiche della città.
«Crediamo - ha sottolineato - che quei ragazzi siano il sacrificio cui Roma non è disposta ad arrivare, vittime di una triste escalation che si deve poter evitare».