Gli sgravi per il furgone e gli altri bonus «verdi»

Il sostegno al mondo delle imprese in chiave anti-crisi ruota anche intorno al tema dell’innovazione, del risparmio energetico e della conseguente riduzione dell’impatto ambientale. Anche le imprese possono quindi beneficiare della detrazione del 55% per la riqualificazione energetica degli edifici, previo invio della comunicazione all’Agenzia delle Entrate, per le spese sostenute fino al 31 dicembre 2010.
Continua poi la detrazione del 20% per l’installazione di motori ad elevata potenza elettrica, anche in sostituzione di motori esistenti, e per l’acquisto e installazione di variatori di velocità (inverter) su impianti con potenza elettrica compresa tra 7,5 e 90 kW, con l’obiettivo di ottenere maggior produttività con minori consumi di energia. Possono beneficiarne imprese, liberi professionisti e anche persone fisiche. E naturalmente anche le aziende possono usufruire degli incentivi per le auto stabiliti dal decreto legge anti-crisi: in particolare, per l’acquisto dei veicoli commerciali leggeri (ad esempio i furgoni) in cambio della rottamazione di veicoli Euro 0, 1 e 2 immatricolati entro il 1999 il bonus sarà di 2.500 euro.