La Sharapova avanza e trova Venus

Lea Pericoli

Sono quattro grandi campionesse le protagoniste delle semifinali a Wimbledon. Ieri il torneo ci ha regalato del buon tennis. D’altronde a tentare la corsa al trono erano tutte giocatrici di ottimo livello. Tra loro non c’era una sola outsider. Abbiamo visto la cattiveria disegnarsi sul volto della bella Maria Sharapova. Non corre buon sangue tra lei e le altre giocatrici russe. Non la considerano del gruppo. Si oppongono alla sua entrata in «Fed Cup», la Coppa Davis femminile. Troppo bella, troppo brava. Forse troppo viziata dalla sorte, con un padre che non gode di troppe simpatie. Questo è «il troppo» della Sharapova! Contro la connazionale Nadia Petrova, Maria ha dovuto fare appello a tutta la sua determinazione per vincere. Momento delicato nel tie break del primo set, poi la facile conclusione. Ora l’aspetta Venus Williams, che rappresenta una autentica sorpresa. Finalmente l’americana ha esibito il suo bel gioco. A farne le spese è stata Mary Pierce, travolta da un agghiacciante 6-0. La francese ha poi ritrovato ritmo, regalando un emozionante tie break, ma ormai era tardi. Venus, che le aveva messo le unghiette addosso, ha chiuso per 12 punti a 10, dopo aver salvato 5 set points. Amelie Mauresmo ha dato l’ennesima prova di tutto il suo talento. Ha battuto la Miskina, vincitrice del Roland Garros 2004. Amelie, che rimane l’unica delle quattro semifinaliste a non aver mai vinto una prova del Grande Slam, è anche l’unica ad avere un bagaglio tecnico completo. Rara virtù, tra le signore. Qualità che meriterebbe un premio. Sabato la Mauresmo affronterà Linsday Davenport che ha rispettato il pronostico contro la Kutnetsova.
Risultati: Davenport (Usa)-Kuznetsova (Rus) 7-6, 6-2; Sharapova (Rus)-Petrova (Rus) 7-6, 6-3; Williams (Usa)-Pierce (Fra) 6-0, 7-6; Mauresmo (Fra)-Myskina (Rus) 6-3, 6-4.

Annunci

Altri articoli