Sharapova e Kournikova dominano la top ten delle veneri dello sport

Nella classifica delle atlete più avvenenti dell'ultimo decennio, é trionfo delle tenniste russe. Terza la «pin up» della nazionale Usa di pallavolo Jennie Finch. Nelle prime 40 nessuna italiana

Sharapova-Kournikova, doppietta russa e del tennis, in cima alla classifica del sito Usa 'Bleacher Report' che nello stilare la sua tradizionale classifica di fine anno delle atlete più belle ha deciso di non considerare gli ultimi dodici mesi ma, visto che sta per finire il 2009, l'ultimo decennio. La classifica delle veneri dello sport, che hanno gareggiato nelle rispettive discipline tra il 2000 ed il 2009 - un vero trionfo per gli occhi se si scorrono le foto delle atlete menzionate - vede al primo posto Maria Sharapova, proclamata atleta più bella degli ultimi dieci anni (2000-2009), davanti ad Ana Kournikova.
Al terzo posto un'altra bionda, come le prime due, la «pin up» della nazionale Usa di pallavolo Jennie Finch, che precede la golfista Natalie Gulbis (bella e brava, se si scorre la classifica dei suoi guadagni sul 'green') e la specialista del freestyle Kristi Leskinen, 29enne bionda della Pennsylvania che ha lavorato come modella ed ora sogna il podio di Vancouver 2010.
La lista delle 10 più belle è completata al sesto posto da un'altra ragazza che alterna il lavoro di modella a quello di atleta, la lanciatrice di giavellotto del Paraguay (ma residente in Umbria per alcuni mesi all'anno) Leryn Franco, «reginetta» di Pechino 2008 nonostante il 42° posto nella sua gara.
Settimo posto per un'altra rappresentante dell'atletica, la saltatrice con l'asta Allison Stokke (che, ma solo in avvenenza, straccia la collega Yelena Isinbayeva), ottavo e nono posto per le gemelle brasiliane Bia e Branca Feres, che gareggiano nel duo di nuoto sincronizzato. Gli estensori della classifica di «Bleacher Report» in un primo momento erano dubbiosi sull'opportunità di inserirle nella classifica, «perchè non hanno mai preso parte ad un'Olimpiade», poi però valutato l'aspetto delle due ragazze, e considerando il fatto che erano presenti ai Mondiali di Roma 2009, hanno deciso che non potevano proprio fare a meno di inserirle, e fra le prime dieci. Con un consiglio: «d'ora in poi si dedichino al beach volley, così avremo il piacere di vederle in bikini, anzichè con il costume intero».
Al decimo posto, sempre per la gioia degli occhi, una medagliata olimpica, la nuotatrice Amanda Beard: il sito che l'ha incoronata raccomanda di fare caso, oltre che al resto, al suo viso particolarmente sensuale. Fra le 40 atlete più belle dell'ultimo decennio non figurano italiane, mentre c'è un'illustre figlia d'arte: 15ª è infatti l'ex campionessa del mondo di pugilato Laila Alì, figlia del «più Grande Mohammed» e perfetto esempio di come la nobile arte non sempre rovini l'aspetto, come dimostra anche la 30ª posizione dell'altra pugilatrice Mia St. John (in passato anche ragazza-copertina di Playboy). Il concetto vale anche le due calciatrici americane Hope Solo, portiera che al Mondiale donne del 2007 criticò ferocemente il suo ct perchè non le fece giocare la finale, e Heather Mills: chi pensa che 'soccer' e femminilità non vadano d'accordo dovrebbe osservare attentamente le foto di queste due bellezze da 38° e 39° posto.
Unico neo, se così si può dire, della classifica del sito Usa è la presenza fra le 40 più belle dell'ex regina del pattinaggio artistico su ghiaccio Katarina Witt: la 44enne ex Ddr che venne ribattezzata «la faccia più bella del socialismo» e che nel 1998, quando apparve su Playboy, fece andare esaurita in pochi giorni l'edizione di quel mese, non gareggia più da 14 anni, e quindi non avrebbe dovuto essere presa in considerazione. Ma per lei, spiegano gli estensori della classifica, «è stata fatta un'eccezione perchè è ancora bella come allora».