Sheva non ne azzecca una

MILAN
DIDA 2. Un altro infortunio, come ai tempi del Leeds: e se fosse questo il Dida normale?
STAM 5,5. Non ha cedimenti muscolari ma il contributo alla causa non è dei più preziosi.
NESTA 6,5. Deve governare una difesa lasciata scoperta sui lati e anche nel centro: vince quasi tutti i duelli uno contro uno.
KALADZE 6. Il bielorusso è una spina nel fianco: il georgiano non si fida e allora si tiene in zona per evitare di lasciare varchi.
SERGINHO 6. Si dedica con maggior impegno alla fase offensiva nella ripresa: ma devono coprirgli le spalle. Dal 40’ st Jankulovski sv.
GATTUSO 6. Prende un giallo al terzo fallo, rincorre tutti, alla fine è stremato e si capisce dalla sostituzione. Dal 30’ st CAFU sv. Si rivede il vecchio capitano.
PIRLO 6. Migliora, vistosamente, nella ripresa: tira in porta, lancia, detta gli schemi ma si lascia spesso soffiare il pallone dai piedi.
SEEDORF 6. Serata di umore indecifrabile: pochi dribbling vinti, qualche discreta giocata senza mai riuscire a incantare. Una traversa da incorniciare.
KAKA’ 6. Nel primo tempo sparisce, riemerge nella ripresa e quando trova la porta s’imbatte in un grande Antonioli.
SHEVCHENKO 5,5. Il rigore è l’unica esecuzione degna di nota. Per il resto rimedia rimproveri da compagni e allenatore. Non ne azzecca una.
INZAGHI 5. Porta a casa un rigore e nient’altro. Dal 20’ st GILARDINO 5,5. Dalle sue parti finisce un solo traversone e lui s’impone.
All. ANCELOTTI 5,5. Non cambia modulo neanche nel finale.
SAMPDORIA
ANTONIOLI 7. Comincia a parare, bene, nella ripresa.
CASTELLINI 7. Fa le cose migliori da attaccante.
SALA 6,5. In area va su tutti i duelli in quota.
PAVAN 6,5. Dirottato al centro per avere lo scatto contro i due attaccanti di Ancelotti.
PISANO 6,5. Ha fisico da corazziere, capelli da marine e coraggio nell’affrontare chiunque.
DIANA 6. Parte timido preoccupandosi di Serginho.
VOLPI 6.5. Sbaglia i primi tre interventi, provoca il rigore, poi si riprende.
PALOMBO 6,5. Fa lo scudo protettivo dinanzi alla sua difesa.
GASBARRONI 7. È la rivelazione della sera, fa venire il mal di testa a mezza difesa rossonera. Dal 24’ st C. Zenoni 5.
FLACHI 7. È il terminale del gioco sampdoriano, attorno a lui gira tutta l’orchestra.
BAZZANI sv. Dal 5’ pt KUTUZOV 6,5. Gira al largo ma il gran movimento si concilia col calcio rotondo della Samp. Dal 44’ st FOTI sv.
All. NOVELLINO 7. Fa il furbino tenendo un pallone per far piazzare i suoi: da oratorio.
Arbitro DE SANTIS 6. Dimentica il fischietto. Un solo errore, colpa dell’assistente.