Shopping pazzo, tutti a caccia di gadget

E alla fine shopping è stato: ieri per l’attesissima Notte Bianca, tutti o quasi tutti si sono aggiudicati almeno un prodotto creato dagli stilisti in edizione limitata per la serata. Fra gli accessori più ambiti, le borse, come la «Piattina» di Gherardini, che è contesa il primato con la shopping in nylon nero disegnata da Umit Benam per Trussardi e quelle in seta bordeaux di Zegna. Super ricercate le t-shit: quelle a impatto zero di Who*s Who, quelle surrealiste-pop dipinte a mano dall'artista Luca Bertasso, battute all'asta nello showroom di Stefano Mortari in via Maroncelli, e quelle vintage di Moncler. A ruba ieri sera sono andati anche i coloratissimi braccialetti in pizzo macramé con i quadrifogli di Cruciani (che hanno già spopolato quest'estate) e le charms omaggiate da Morellato, che ha creato un ingorgo in via Pattari. Tappa d'obbligo per i golosi, i negozi Armani, dove si vendevano cofanetti limited edition con i suoi dolci prelibati. E griffati. Bisognerebbe replicare presto: il commercio milanese se ne gioverebbe.