Si addormenta con la sigaretta accesa L’incendio del letto lo riduce in fin di vita

Si è addormentato con la sigaretta accesa, sembra dopo un’abbondante bevuta di superalcolici, e la brace ha innescato un incendio che lo ha ridotto in fin di vita. Fabio D. G., 32 anni, è stato salvato dai vicini che hanno sfondato la porta, spento le fiamme e chiamato i soccorsi.
L’allarme è scattato ieri verso le 16.30 in via Pietro di Pietramellara 3, una traversa di piazza Nigra, quando fumo e odore acre hanno invaso il cortile dello stabile. I residenti sono scesi in strada e si sono subito accorti che un incendio stava divampando nel monolocale al pian terreno. Alcuni volonterosi hanno sfondato la porta trovandosi davanti alla vittima stesa sul letto e avvolta dalle fiamme sprigionate dal materasso. Con un estintore sono riusciti a spegnere l’incendio quindi hanno fatto intervenire vigili del fuoco, personale medico e il 113.
Fabio D. G. è stato portato con un’ambulanza a Niguarda e ricoverato in prognosi riservata al reparto grandi ustionati. Nel frattempo gli agenti accertavano che le fiamme erano state innescate da una sigaretta lasciata cadere sulle lenzuola. La mancata reazione del trentenne sarebbe stata determinata da abbondanti bevute: a suo fianco è stata infatti trovata una bottiglia ormai vuota di superalcolico.