SI APRE IL CONGRESSO TORY

«L’Eurozona è una minaccia non solo per se stessa, ma anche per l’economia britannica. E una minaccia per l’economia mondiale». Il premier britannico David Cameron teme che il contagio della crisi di Eurolandia possa danneggiare anche il suo Paese e parla così alla «Bbc» nel giorno in cui si è aperta la conferenza annuale del Partito Conservatore. La Gran Bretagna rimarrà comunque nell’Unione (il premier ha escluso un referendum sull’uscita dalla Ue, come vorrebbero alcuni esponenti della maggioranza), ma rischia di venire trascinata nella crisi dal momento che l’Europa è il suo maggiore mercato. «Bisogna agire nelle prossime settimane per rafforzare le banche europee, per solidificare le difese della zona Euro e affrontare i problemi di debito». I leader europei «devono farlo subito precedendo i mercati».