«Si aprono nuovi mondi»

Armando Pace, italo-peruviano con un'anima divisa in due tra il nostro Paese e il Sud America, ha partecipato al festival sottolineando il contributo della cultura africana in Perù. Profondo conoscitore della musica e curatore di una trasmissione sull'argomento su Radio Meneghina, racconta: «Sono lieto che si sia organizzato un festival di innegabile livello artistico e professionale e che sia un'ottima vetrina per quanti di noi sono interessati alle culture lontane. Qui sento lo spirito giusto, anche tra gli italiani, che non si accostano superficialmente alla materia, ma cercano di studiare musiche e tradizioni di Paesi diversi dal loro». Come dire, nuovi mondi che si aprono.