Si dimette il generale che guida le guerre Usa

L’ammiraglio William Fallon, 63 anni, da 41 anni in Marina, comandante delle forze Usa in Medio Oriente, comprese quelle in Irak e Afghanistan, si è dimesso a sorpresa dopo che la rivista Esquire aveva rivelato divergenze strategiche con il presidente George W. Bush: «Fallon è l’ultima persona a sbarrare la strada a un’azione militare Usa contro l’Iran». Il ministro della Difesa Robert Gates ha negato sia l’esistenza di tali divergenze sia pressioni da parte del Pentagono per spingere l’ammiraglio verso le dimissioni e ha definito «ridicola» l’ipotesi che la partenza di Fallon possa inviare il messaggio che gli Stati Uniti intendono procedere ad azioni militari contro l’Iran. Il suo posto sarà preso ad interim dal vice, il tenente generale dell’Esercito Martin Dempsey.