Si gioca la paga al videopoker e dice di essere stato rapinato

Aveva denunciato ai carabinieri di Lerici di essere stato rapinato da due extracomunitari armati di coltello che gli avevano portato via 1.200 euro mentre faceva benzina al distributore. I carabinieri di Sarzana hanno però scoperto che quel cinquantenne mentiva e lo hanno denunciato per simulazione di reato. L' uomo, infatti, si era inventato una rapina per non confessare alla moglie di aver sperperato lo stipendio al videopoker.
Infatti nel racconto dell’uomo molti particolari non calzavano con la storia e lo stesso presunto protagonista non era in condizioni di fornire ulteriori dettagli. Messo alle strette dai militari poco convinti dal suo racconto, l'uomo infine è scoppiato in lacrime e ha confessato tutto.
I carabinieri si erano insospettiti soprattutto perchè risultava poco credibile che non vi fossero stati testimoni della rapina in una zona così frequentata di sabato sera, giorno in cui l' uomo si era presentato per sporgere la denuncia. Possibile che nessuno avesse visto i rapinatori o avesse assistito anche da lontano alla scena? No, la storia non era credibile.
Il marito bugiardo aveva anche spaccato da solo il finestrino della macchina pur di convincere i carabinieri e la moglie.
Così, oltre ad aver perduto lo stipendio al gioco e ad aver simulato un reato, dovrà anche riparare la macchina a sue spese.