Si nasconde in bagno per usare i microchip

Un giovane romeno di 20 anni che aveva ideato un «sistema strategico» per rubare in un supermercato è stato sorpreso dai carabinieri della stazione Appia e arrestato con l’accusa di tentato furto aggravato, resistenza e violenza a pubblico ufficiale. Il giovane immigrato, l’altra sera, dopo essersi chiuso nella toilette di un supermercato di via Appia Nuova, ha sigillato con del mastice i sensori di allarme della finestra sul retro. Poi si è nascosto nel sottotetto del bagno, in attesa della chiusura. Un addetto alla sicurezza, però, lo aveva visto entrare nel bagno, e non vedendolo più uscire, ha chiamato i carabinieri. I militari dopo aver passato al setaccio tutti i locali del supermercato, hanno scoperto che il giovane era nascosto nel soffitto e lui, per sottrarsi alla cattura li ha aggrediti con calci e pugni, ma è stato immobilizzato. Il romeno era in possesso di tre tessere bancomat e tre microchip, che avrebbe dovuto nascondere nei «Pos» utilizzati dai clienti per pagare la spesa. Così avrebbe acquisito i codici segreti di bancomat e carte di credito da clonare successivamente.