Si polemizza su tre bimbi e se ne ignorano centomila

(...) e il mondo reale. Fra il mondo delle agenzie di stampa, delle dichiarazioni dei politici e delle polemiche ad uso «apparizione di trenta secondi al telegiornale della sera» e il mondo vero. Il mondo delle famiglie, degli anziani, dei bimbi. Il mondo.
Insomma, tutti a parlare della De Amicis. Dove i bimbi che partecipavano alla giornata di letture di favole gay erano tre. Quattro secondo altre fonti. Subito fuori, senza nemmeno bisogno di cambiare marciapiede, bastava alzare la testa. Bastava guardarsi attorno.
E attorno c’erano non tre, non trenta, non trecento, non tremila, ma trentamila bambini in un giorno, forse centomila in tutto. Felici, con negli occhi lo stupore, come solo i bimbi sanno avere. Entusiasti e orgogliosi di aver affrontato il ponte tibetano che fa tremare noi papà anche solo a vederlo. Divertiti nel cimentarsi con il calciobalilla umano e emozionati nel salire sui cavalli. Petto in fuori nel ritirare la maglietta dell’Unione Sportiva Pontedecimo per l’ottimo tempo registrato nella prova a cronometro in bicicletta. Bagnati di emozione e di schizzi d’acqua per essersi cimentati nelle prove da sub e da canottieri e bagnati di sudore per aver provato i vari sport dell’area di fronte al Museo Luzzati, dal baseball alla pallavolo. Oppure, semplicemente, felici per aver realizzato un portachiavi plastificato in diretta ai banchetti davanti alle prove di tiro con l’arco o perchè avevano regalato loro latte, acqua e creme al cioccolato.
Tutto questo è stato possibile soprattutto grazie alla Fondazione Carige. Soprattutto grazie al vicepresidente Pierluigi Vinai. Soprattutto grazie a una struttura che, lo scorso anno, appassionava tanto gli appassionati di scandali dell’informazione genovese a testate unificate (tranne noi, ça va sans dire). Di quegli scandali non si è saputo più nulla, forse perchè nulla c’era da sapere. I risultati, invece, erano lì davanti agli occhi di tutti. Almeno di chi voleva vederli, se non era troppo preso dalle fiabe gay.
Io me ne sono accorto. Ma forse perchè sono andato come papà, non come giornalista.