«Si potrà bocciare anche per il voto in condotta»

Prof autorevoli e studenti più responsabili. E chi sbaglia paga. Mariastella Gelmini, ministro della Pubblica Istruzione, spiega come sarà la scuola italiana: «Gli insegnanti oggi sono impotenti. Dobbiamo ridare ai docenti strumenti adeguati per combattere il bullismo e soprattutto per ripristinare il principio dell’autorità nella scuola». Ma precisa: «Non è il ritorno al sette in condotta. Quella che conta è la valutazione complessiva del comportamento».