Si rafforza ancora Aem

Piazza Affari ha chiuso la giornata borsistica di ieri in leggero «rosso», con tutti gli indici che hanno subìto limature dello 0,3%; mentre l’attività si è mantenuta stabile a un livello di poco superiore ai 4 miliardi di euro. Trascurate le blue chip, con le Fiat in calo dello 0,8%, e con riflessi negativi anche per le holding del gruppo. In calo pure i titoli della scuderia Pirelli, mentre tra le altre società di tlc in ulteriore crescita Tiscali (più 1,6%). Ancora irregolare il comparto bancario, con le popolari che correggono i recenti massimi; resistenti le big Intesa e Capitalia. Bene Anima, in rialzo di oltre il 5%, all’annuncio dell’acquisto di 34 fondi comuni da Dws Invesments Italia. In netto calo gli assicurativi, con Fonsai che arretra dell’1,3%, ma si riprende Unipol. Variegato il listino degli energetici che vede sempre protagoniste le azioni delle utility, in fase di consolidamento dai recenti massimi: si rafforza ancora Aem, cede la Asm bresciana, mentre nei petroliferi Saipem ed Edison perdono oltre l’1%. I movimenti nell’azionariato di Pirelli RE non hanno giovato alla quotazione del titolo, che arretra del 2,5%, mentre è proseguito il calo di Viaggi del Ventaglio (meno 4,3%).