Si recita Beckett per solidarietà

Egumteatro ritorna al Vascello con due serate dedicate al mondo visionario di Samuel Beckett, per riflettere sul senso del teatro e sul modo di realizzarlo in questo specifico momento sociale. E l’opera letteraria e teatrale di Beckett si rivela una preziosa guida in questa ricerca. Gli spettacoli sono inoltre finalizzati a finanziare, mediante gli incassi, progetti umanitari in Etiopia. Oggi e domani in programma dunque «Non dimenticar le mie parole?» due appuntamenti dedicati alla poesia anglosassone con testi tratti dalle opere di J. Milton, W. Blake, W. Shakespeare, Yeats J. Keats, Kipling, Pound, Eliot e ovviamente Beckett; sul palco Fulvio Cauteruccio. Il 20 e il 21 sarà invece di scena «La felicità alla portata di tutti» che riguarderà gli effetti della guerra sui bambini, da un testo di Virginio Liberti, con Paola Lombardi, regia di Bianco e Liberti. Infine, il 22 «Nel mio ricordo stanco», ovvero l’amore nelle poesie di Antonia Pozzi, Amelia Rosselli e Alda Merini.