Si salva Ansaldo ancora giù Fiat

Ancora una seduta da dimenticare per Piazza Affari. A fine seduta il Ftse Mib ha perso il 2,81% a 18.494 punti e il Ftse All Share il 2,65% a 19.206 punti. Nel mirino degli investitori ancora le banche. Intesa SanPaolo ha così perso il 5,13%, UniCredit il 4,3%, Mediobanca il 4,9%, Ubi Banca il 5,6% e Bpm il 3,2 per cento. Male anche le assicurazioni con Generali e FonSai che hanno perso, rispettivamente, il 3,25 e il 5,81%. Male anche Unipol che ha ceduto il 4,29 %. Ancora sotto pressione Fiat che ha perso un altro 3,77%. Tra i pochi titoli in nero Pirelli e Ansaldo. La prima ha guadagnato l’1,2% in scia alla semestrale archiviata con un utile raddoppiato. Effetto conti anche su Ansaldo (+1,04%) che dopo la trimestrale, ha incassato giudizi positivi da alcune case d’affari come Bofa Merrill Lynch e Société Générale che sul titolo consigliano un «buy». Segno più infine per Piaggio balzata del 4,92% grazie ai risultati di fine giugno, in controtendenza rispetto al mercato. Tra le Borse europee pesante Madrid che perde l’1,93%. Meglio ha fatto Francoforte -1,32%. Londra -1,23% e Parigi -1,42%.