Si salva Tod’s debole Parmalat

Piazza Affari ancora al centro delle vendite nel giorno in cui Moody’s ha tagliato il rating della Grecia, ormai a un passo dal default. L’indice Ftse Mib ha perso il 2,48% a 18.979 punti e il Ftse All Share il 2,23% a 19.703 punti. Peggior titolo è stato quello di Intesa SanPaolo (-8,33%), al fianco di Bpm (-8,32%) e del Banco Popolare (-8,07%). In rosso anche Mps (-7,62%) e UniCredit (-7,03%). A limitare i danni sul saldo di fine seduta, la galassia Fiat, con il titolo del Lingotto che è salito dell’1,35%, mentre ha fatto meglio Fiat Industrial (+5,4%), che ha chiuso in vetta al Ftse Mib. Segno più anche per Campari (+1,89%), Tod’s (+1,71%) e Pirelli (+1,66%) che ha reagito bene alla nuova alleanza in Russia. Tra gli altri che hanno tenuto anche Luxottica (+0,81%) che ha diffuso i conti a mercati chiusi. Deboli infine Parmalat (-1,31%), Finmeccanica (-1,28%) e Autogrill (-1,55%). Chiusura negativa per le Borse europee anche se la tenuta è migliore rispetto a Piazza Affari: Parigi - 0,77%, Londra - 0,16% e in leggera controtendenza Francoforte +0,25%.